Equiseto (Equisetum Arvense)

<< Torna all'elenco

E’ diffusa in tutto l'emisfero boreale. Si usano le parti aeree della pianta, i cauli i fusti. La medicina Cinese la impiega per la cura dell'Artrite, delle ferite, delle emorroidi, della dissenteria, per le ulcere e le emorragie nasali, di aiuto essenzialmente nella fragilità ossea, nella osteoporosi, nella caduta dei capelli, nelle unghie fragili. Utile per la ritenzione idrica, nelle infezioni renali, nelle infezioni dell'apparato urinario, nella incontinenza, nei calcoli urinari, nella insufficienza cardiaca congestizia, nelle emorragie uterine e delle emorroidi, ha una azione anticancerogena, utile nella cura delle anemie secondarie, nelle forme reumatiche, nell'alterosclerosi, rallenta l'invecchiamento delle fibre elastiche. Può essere di aiuto come coadiuvante nelle cure dimagranti. Favorisce le cicatrizazioni, utile nelle dermatiti, migliora la elasticità cutanea, previene le rughe dell'invecchiamento e previene anche la cellulite. E’ una pianta remineralizzante.